La mia collezione

gamecard

lunedì 24 luglio 2017

Mario Kart 8, Splatoon 2... l'abito non fa il monaco

Ebbene ragassuoli, è tampo di mare o montagna ed è tempo di tornare a parlare di giochi "freschi" che richiamano la spensieratezza tipica del periodo estivo.

E quindi parliamo di due perle made in Nintendo: Mario Kart 8 Deluxe e Splatoon 2 due giochi freschi e spensierati....

...
...

MA DE CHE?

Spensierati un cazzo ! Questi due giochi sembrano belli pucciosi, con questi colori pastello, i personaggi che emettono vagiti ed esclamazioni alla "mamma mia"... ecco niente di più sbagliato in quanto MK8 e Splatoon 2 racchiudono una competitività veramente spinta, coadiuvata da una meccanica di gioco estremamente profonda e dettagliata quasi a livello maniacale!

Ora su Splatoon 2 non mi voglio ancora sbilanciare più di tanto visto che ci ho giocato relativamente poche ore, ma l'estrema quantità di armi, miglioramenti e accessori permettono combinazioni molto diverse che spingono il giocatore ad approntare strategie piuttosto variegate. Le armi devono essere scelte con cura perché in base alla loro scelta, ci si dovrà muovere di conseguenza. Questo è molto importante e porta la squadra (di quattro giocatori) a scegliere bene la propria configurazione, pena una sconfitta quasi assicurata (a parità di skills ovviamente)!
Devo dire di trovare Splatoon 2 complesso come molti FPS considerati "seri" dalla comunità di giocatori, siamo a livelli che vanno ben oltre a giochi main stream come COD o Battlefield, piuttosto arriva quasi ai livelli di un Red Orchestra. Certo non voglio mettere a confronto i due giochi in maniera diretta, non avrebbe senso, ma è per farvi capire quanto il gioco può arrivare a farvi spremere le meningi (oltre che le dita delle mani) e la cosa è ancora più sconcertante pensando che, la prima volta che si piglia in mano il pad e si prova a fare una partita a Splatoon 2 il pensiero che viene in mente è "via spariamo un po' senza troppi pensieri"... ecco un cazzo! Il gioco, per quanto "spiritoso" dal punto di vista grafico , risulta essere cattivo e fa incazzare ... fa tanto incazzare, siamo a livelli di sessioni in multi a Doom da quanto riesce a tirare fuori l'incazzatura agonistica che alberga in ogni giocatore competitivo.

E in maniera analoga anche Mario Kart 8 Deluxe è un gioco veramente profondo, molto più di quanto possa sembrare. Il gioco l'avevo preso un mesetto e mezzo fa per giocare con la mia compagna essenzialmente. E fintanto che abbiamo giocato in locale, non ci siamo mai resi conto di quanto fosse complicato padroneggiare bene il proprio mezzo e di quanto fosse importante una oculata scelta del personaggio, veicolo, gomme ed alettone... perché se giocando "localmente" e in maniera "tranquilla" la scelta era essenzialmente legata più ad una questione estetica che altro, quando ci si approccia alla competizione vera, quella online, tutto cambia.
Dopo aver preso batoste su batoste, mi sono andato a documentare e ho scoperto che ogni personaggio ha statistiche ben precise, statistiche che vengono modificate (in meglio o in peggio) in base alla scelta del mezzo, delle gomme e degli alettoni. Le modifiche sono tutt'altro che irrisorie e sono fatte in modo tale da portare il giocatore a fare una oculata scelta in base al tipo di guida che vuole assumere e al tipo di percorso.
Ecco, per ottenere le proprie "configurazioni" competitive si potrebbe perderci le ore e il sonno...siamo quasi ai livelli di un Forza Horizon 3, con le dovute declinazioni ovviamente...

Ebbene, che cosa vorrei dire con questo post? Semplice, che non bisogna mai fermarsi davanti alle apparenze. Un gioco non bisogna giudicarlo dalla copertina, dal tipo di colori o dal design dei personaggi e dell'ambientazione, non bisogna giudicarlo dalla presenza o assenza di gore e violenza esplicita. Un gioco va provato e spesso, in questo modo, si scoprono perle inimmaginabili.

domenica 18 giugno 2017

La mia classifica dell'E3

Ebbene, dopo una settimana dall'E3 ecco la mia veloce e personale classifica.

Ubisoft
In ultima posizione Ubisoft.. mi spiace ma il nuovo Assassins' Creed Origin, per quanto bello dal punto di vista grafico , non mi ha particolarmente esaltato.

Sony
Non mi ha particolarmente esaltato... ha fatto vedere alcuni giochi interessanti ma niente di ché, speravo in qualcosa di più per il VR ma niente di particolarmente esaltante.

Microsoft
Sicuramente una delle conferenze migliori, sia dal punto di vista hardware che software. Per quanto continui a farmi storcere il naso la mancanza di vere esclusive per la nuova console. Piuttosto la nuova visione di MS non è console centrica ma legata alla sua idea di ecosistema Windows+Xbox.
In parte mi fa piacere il voler proporre qualcosa di diverso da Sony, ma allo stesso tempo mi ha convinto a non comprare la prossima Xbox e, piuttosto, ad investire quei soldi per una nuova scheda video per PC. Per il resto tanti titoli presentati molto interessanti.

PC Gaming Show
Avevo riposto molte aspettative in questa conferenza ma sono rimasto in parte deluso in quanto non ho trovato tanta varietà di titoli..la maggior parte erano RTS che, per carità, sono sempre graditi ma speravo comunque in qualcosa di più variegato.
E' vero che molti titoli erano stati annunciati dalla conferenza MS. Mi è piaciuto particolarmente il DLC di Xcom 2 che mi ha convinto definitivamente ad acquistare e giocare quanto prima il titolo in questione.
Speravo in qualche chicca tecnologica, qualcosa di più sulla VR o AR ma purtroppo niente... :(
Sono rimasto particolarmente sorpreso da Destiny 2 e dal fatto che uscirà anche per PC (prima uscirà per console però). Ho visto le potenzialità di questo gioco, ho giocato diverse centinaia d'ore al primo capitolo, e penso che su PC possa garantire un'esperienza estremamente appagante. Sicuramente lo prenderò per PC sperando che possa sussistere una sorta di cross-play con le contro parti Xbox/PS4.

Nintendo
Non voglio essere tacciato di fanboysmo ma credo che Nintendo sia stata la vera protagonista dell'E3 riuscendo a mostrare un sacco di titoli ESCLUSIVI veramente esaltanti.
A partire da Mario Odyssey, un Super Mario mai visto prima con un sistema Open World vasto e complesso. Il gioco sembra veramente profondo ed interessante, uscirà prima del previsto (fine ottobre) e secondo me questo permetterà a Nintendo di vendere un altro botto di Switch.
Ma oltre a Mario sono stati presentati tanti titoli interessanti da Xenoblade Chronicals 2 ad annunci come quello di Metroid Prime 4. E per concludere la demo dell'imminente Skyrim, che mostra una grafica veramente dettagliata e il porting di Rocket League.
Devo dire che per ora Nintendo non sta sbagliando un colpo da Gennaio ad ora e penso che , se continuerà così, nel 2018 Switch farà il botto.



lunedì 12 giugno 2017

Tekken 7 (PC) il ritorno del re

Una decina di giorni fa è uscito Tekken 7, da appassionato del brand l'avevo prenotato e, per la prima volta, su PC.

L'ho giocato per molte ore e devo dire che questo Tekken è veramente ben fatto, una meccanica di gioco ancora più profonda dei precedenti capitoli e una cura che arriva a bissare il superbo Tekken 3 di 20 anni fa. Sono state aggiunte delle tecniche (la Rage) che si possono attivare quando si è in situazioni critiche e che rendono più imprevedibile il risultato finale del match.

Graficamente è eccezionale, su un PC di fascia alta rende benissimo con molti dettagli e animazioni sempre fluide (tutto in ultra a 1080p con fps che non scende mai sotto i 60).

Il gioco è essenzialmente la versione casalinga di quella arcade che, come da prassi, viene arricchita con tutta una serie di modalità e mini-games oltre che ad una sorta di "campagna" single player.

La campagna mi è piaciuta come storia in se, anzi devo dire che ha chiuso un ciclo (non spoilero tranquilli) e in maniera tutto sommato inaspettata ed emozionante. Peccato per una durata veramente breve (circa 3 ore o poco più) ed è anche mediamente facile completarlo salvo gli ultimi due scontri veramente complicati (credo di essere morto una cinquantina di volte prima di finire lo scontro con la vittoria).

Ma il vero cuore del gioco sono le sfide online, gestite veramente bene con un netcode che raramente mostra il fianco e anche i lag dei comandi, benché presenti, non sono poi così fastidiosi. Oltre alla classica modalità di sfida a 2 dove, a forza di vittorie e/o sconfitte, si può retrocedere o avanzare di grado, si è aggiunta la modalità torneo veramente bella. Viene creato un torneo a scontri diretti con ripescaggio e finalissima. Molto divertente e gestito anche molto bene dal sistema.
Anche il matchmaking funziona abbastanza bene facendo abbinamenti adeguati.

Il roaster di combattenti è ricco e molto vario, ai vecchi volti sono stati aggiunti dei personaggi nuovi interessanti anche se alcuni vecchi personaggi sono stati (almeno per ora) eliminati. Parlo di Leo Woo Long (uno dei miei preferiti) o di Eddy o ancora di Beak e Armour King. In compenso , grazie all'aiuto di Capcom, sono stati inseriti alcuni personaggi che usano le meccaniche di gioco di Street Fighter ed in particolare Akuma.

Che dire, un grande ritorno, un gioco consigliato a tutti gli amanti dei picchiaduro ed è il primo picchiaduro serio e profondo a funzionare egregiamente anche su PC.


E3: Microsoft ha lanciato la bomba... e adesso? Luci ed Ombre di una visione

Ieri sera mi sono messo a guardare la conferenza Microsoft dell'E3, purtroppo quest'anno non ho modo di seguire l'intera fiera e quindi mi sono concentrato su MS e, spero , di poter vedere qualcosa stasera sul PC Gaming Show.

Dopo l'euforia dello "spettacolo", a mente fredda, posso tirare alcune conclusioni.

La definizione e consolidamento di un ecosistema

Aveva iniziato questa operazione esattamente un anno fa con il precedente E3 ma lo ha riconfermato ieri sera e lo ha fatto a partire dal nome della futura console: Xbox One X.
Si, il nome Xbox One rimane e questo perché Microsoft vuole rendere in tutto e per tutto il marchio Xbox One come un ecosistema fatto di hardware (le console della famiglia Xbox One) e software (l'infrastruttura Windows-Xbox) un tutt'uno.

Per ribadire fino in fondo il concetto, tutte le uscite software per il suo ecosistema gireranno indipendentemente su tutte le piattaforme: Windows, Xbox One S ed Xbox One X. I giochi, anche quelli vecchi, verranno aggiornati per girare sulle piattaforme più potenti.
In particolare giochi come Gears of War 4 o come Forza Motorsport 7 (che uscirà un mese prima di Xbox One X) verranno fatti girare su XOX con grafica pompata e in 4K nativi. In pratica Xbox One X (ed S) diventano definitivamente dei PC specializzati per il gaming di cui uno (la One S) di fascia bassa ed uno (la X) di fascia alta. In pratica le Steam Machine di Microsoft.
Microsoft ha illustrato ben 42 titoli tra first party (Windows-Xbox) , AAA e Indi e tutti questi godranno di questo servizio...in pratica un estensione del Play Anywhere.

Gli utenti non dovranno più preoccuparsi delle incompatibilità dei giochi perché i titoli acquistati gireranno su tutte queste piattaforme e anche su dispositivi futuri.
A sottolineare di più questo concetto ci ha pensato Phil, aggiungendo la retrocompatibilità anche dei titoli della primissima Xbox. E non solo...la XOX sarà compatibile anche con l'hardware di Xbox One S: perciò non dovranno essere ricomprati pad, volanti e quant'altro.

La Scorpio..ehm... la Xbox One X

Di XOX si sapeva già un po' tutto ( a parte l'estetica) ed effettivamente è stato dedicato poco spazio ad essa. Devo dire che esteticamente è notevole e risulta essere più piccola anche della S.
Quello che sbalordisce è l'hardware .... è veramente una bomba ed offre alcune caratteristiche che si ritrovano solo in PC da gaming di fascia altissima.
In particolare 12 Gb di ram DDR5 e una GPU in grado di erogare 6Tflops con una banda passante della memoria di ben 325 Gbyte/sec.. roba da far impallidire visto che la Nvidia 1080 raggiunge una banda passante di "soli" 320 Gbyte/sec.
A questo giro sembra che MS non abbia badato a spese implementando anche un sistema di dissipazione veramente efficiente: un sistema basato sulle camere di vapore, simile a quello montato sulle schede Nvidia di fascia altissima come le Titan X. Anche la CPU non sembra male, un octacore con i core indipendenti e programmabili.
Insomma XOX è una bomba, sicuramente la console più potente mai creata ma è anche una macchina che può essere messa a confronto con un PC da gioco da 1000 euro.


I titoli

Microsoft ha snocciolato una lunga serie di demo di giochi che usciranno sul suo ecosistema composto da Windows-Xbox: alcuni veramente di pregio. Personalmente mi ha impressionato Forza Motorsport 7... ragazzi sembrava di essere veramente in pista. Lo so, lo dico a tutti gli FM ma vi assicuro che un gioco come quello che ho visto ieri non l'avevo mai visto. Rasenta la perfezione ed MS ha assicurato che su XOX girerà a 4K con HDR , Blur , filtri anisotropici al massimo a 60 fps... se davvero fosse così sarebbe fantastico!
Anche Assassins' Creed Origin è stato piuttosto impressionante e a questo giro Ubisoft ha lavorato anche sul gameplay creando qualcosa di nuovo.
Chi ha potuto provare il gioco sulle varie postazioni (PS$Pro, Xbox , PC etc..) ha dichiarato che su XOX il gioco gira con l'fps più stabile e a 4K. Era più stabile perfino delle postazioni PC.
Grande attesa anche per Athem, un Open World futuristico che fa impallidire quello di Breath of the Wild, e belli anche Sea of Thiefs e State of Decay 2.

Le luci..ma anche le ombre

Ho intitolato questo articolo con luci ed ombre di una visione.
Si perché MS sta percorrendo una strada ambiziosa (l'unificazione PC-Console) ma allo stesso tempo molto impervia e che instilla nella mia persona molti dubbi sulla sua riuscita.
XOX non ha una sua esclusiva, tutti i giochi che usciranno saranno presenti su Windows, Xbox One S anche..per non parlare dei giochi multipiattaforma. Ormai quando MS dice che un gioco è esclusivo lo fa riferendosi al suo ecosistema e non alla sua console ammiraglia.
Questo da un lato porta un'idea di continuità (tipica dei PC) e il giocatore sa che potrà cambiare piattaforma se e quando vorrà senza rinunciare ai giochi e al vecchio hardware e godendo dei benefici di un hardware più prestante, ma dall'altro proprio per questa ragione molti giocatori potrebbero non essere incentivati a comprare la console nuova.
Guardate l'esempio di Nintendo Switch: è una console per certi versi rivoluzionaria ma estremamente limitata dal punto di vista computazionale ma se uno vuole giocare a capolavori come Zelda deve per forza averla..non a caso questo sta facendo fare soldi a palate alla casa di Kyoto e il numero di Switch vendute è in continua crescita.
Ma per Xbox One X? Chi è che sarà invogliato a spendere 500 euro per prenderla? I casual gamer continueranno ad usare Xbox One S, gli hardcore o i pro potrebbero essere invogliati ma se non hanno un vero incentivo (le esclusive) potrebbero rimandare a tempi migliori l'acquisto della nuova ammiraglia.
I giocatori PC? Eh difficile che passino a XOX. Quando MS tirò fuori la 360, all'epoca veramente avveniristica, riuscì a strappare al mondo PC molti videogiocatori offrendo una piattaforma ultra-performante ad un costo basso e soprattutto con esclusive di pregio. Ma ora? Forse potrebbe allettare un giocatore PC che si trova a dover cambiare hardware adesso e XOX, che sulla carta tira quanto una saetta, potrebbe attirarlo ma in generale sarà molto difficile.
Personalmente non sono invogliato a prenderla, il mio PC è in grado di far girare (sulla carta) giochi con prestazioni e specifiche analoghe a XOX e dato che tutti i giochi che usciranno su di essa, gireranno anche sul mio PC non mi sentirò invogliato ad acquistarla.

sabato 10 giugno 2017

Breath of the Wild è stata un'incredibile avventura come la Storia Infinita

Era veramente tanto tempo che non scrivevo un post, ma purtroppo quest'ultimo periodo è stato piuttosto pesante e pregno di impegni importanti...non che questo periodo sia finito ma in questo momento ho trovato giusto 5 minuti per buttare giù le mie impressioni su questo capolavoro che ho completato una decina di giorni fa.

Comincio col dire che BotW mi ha tenuto incollato alla Switch per 2 mesi di fila facendomi quasi dimenticare degli altri giochi e piattaforme e facendo crescere l'enorme backlog.

Ho già detto molto sul gioco, ma vorrei aggiungere due cose: BotW è stata una vera avventura come non se ne vedevano da tempo, totalmente immersiva e soprattutto "viva". E' stato fantastico attraversare quel mondo Open dove tutto ciò che veniva in mente di fare si poteva fare e dove nessuna cosa , nemmeno la più insignificante, era messa li per caso.

Giocare BotW è stato un po' come per Sebastian de "La Storia Infinita" vivere le avventure del libro stesso... non sto scherzando! Le aree di gioco diverse e caratteristiche, i personaggi principali e minori, perfino le comparse avevano una loro "dimensione" e utilità.

Quindi per me Breath of the Wild rimane il migliore gioco del 2017 (lo so che l'anno non è finito ma dubito che uscirà da qui a fine anno un gioco migliore di questo) e sicuramente è uno dei migliori giochi mai creati nella storia; personalmente entra di diritto nella mia top 10 personale!
Sicuramente BotW rappresenta un punto di svolta non solo per la serie ma anche per l'intero genere e sono sicuro che i prossimi giochi alla "the witcher" prenderanno molte idee viste in BotW.

Confermo quello che ho detto due mesi fa: merita comprarsi una console solo per giocare a questo gioco!

E adesso? adesso sento già la mancanza di quelle terre, di quei personaggi e delle storie incredibili che ho vissuto...Speriamo di poterle rivivere in un futuro non troppo lontano.

martedì 2 maggio 2017

Nightgate: un gioco interessante e old-style a portata di dito

Carissimi, inutile dire che sono ancora preso al 100% su Breath of the Wild: ieri sono arrivato a superare le 80 ore di gioco e ancora non ho raggiunto il 50% dell'intera storia... vabbé..

Nonostante ciò ogni tanto mi dedico a qualche passatempo "mordi e fuggi" e qualche settimana fa mi sono imbattuto in questo gioco mobile (per Android e iOS) chiamato Nightgate.

Nightgate offre una meccanica un po' old-style e si presenta con una serie di livelli da superare con nostro "cursore", un puntino bianco che dovremo muovere attraverso i vari schemi, catturando vari "check point" sparsi su di essi.
I nemici saranno composti da "muri" semoventi, puntini che ci inseguono, blocchi che ci spareranno etc etc, tutti rigorosamente di colore rosso...insomma, per non morire, dovremo stare lontani da tutto ciò che è rosso.

La grafica è totalmente vettoriale e richiama tantissimo i giochi di una volta come Asteroids, offrendo a dei fondali neri intervallati da disegni vettoriali psichedelici.

E' un gioco molto carino da fare nei ritagli di tempo, dato che uno schema è composto da 3-4 livelli che si possono superare in circa 5 minuti.

Il gioco l'ho completato ieri sera, mentre ero rigorosamente seduto "sul trono", devo dire che mi è piaciuto abbastanza anche se l'ho trovato molto facile da finire (se si escludono gli ultimi 10 livelli).
Il gioco dovrebbe costare meno di 1 euro (mi sembra di averlo preso a 79 centesimi). Se avete un tablet è sicuramente un acquisto consigliato, un po' meno se avete uno smartphone con uno schermo di 5" o meno.
Non vi deluderà



martedì 25 aprile 2017

Completato Super Mario 3D Land

In questo ultimo mese e mezzo mi sono dedicato quasi totalmente a Breath of the Wild che ancora è ben lungi dall'essere completato! Però ho avuto modo di finire un gioco che avevo iniziato qualche mese fa sul fido 3DS:

Super Mario Land è una serie che parte da lontano, dal primissimo Game Boy in bianco e nero. Il primo SML si presentò come una "copia" in piccolo del classico Super Mario Bross per NES, ma con il secondo capitolo (6 golden coins) la serie prese una sua forma ben precisa mescolando gli elementi platform classici con altri più esplorativi.
Per me SML 2 fu un titolo glorioso che completai e completai un'infinità di volte ( nemmeno troppo tempo fa me lo sono rigiocato tutto).

Sono passati tanti anni prima di rivedere sul portatile Nintendo, un Super Mario Land e finalmente è uscito sul 3DS.

Che dire, è stato un titolo divertentissimo e fresco e, soprattutto, è stato un gioco che ha sfruttato alla grande l'effetto 3D della console. Anzi, molti livelli avevano parti che si potevano fare proprio grazie al 3D, creando degli effetti stereoscopici veramente di immersivi.

I livelli sono tutti ben congegnati e i boss variegati e hanno richiesto tattiche molto diverse per poter essere battuti. Nintendo, ultimamente, ci ha abituato a dei Super Mario pieni di "collezionabili" e livelli bonus nascosti, e questo SM3DL non fa eccezione.

Oltre ai livelli bonus (veramente ganzi!), alla fine della storia è possibile giocare dei livelli "alternativi" per andare a salvare Luigi. Questi livelli ricalcano in parte quelli giocati in precedenza ma con diverse varianti e, in generale un livello di difficoltà maggiore.

Unico difetto che ho trovato è l'eccessiva facilità del gioco... si finisce molto rapidamente, o meglio..per chi è un po' scafato in questo genere di giochi (ed in particolare i titoli del famoso idraulico baffuto!) questo SM3DL è una passeggiata di salute da risolvere in pochissime ore.

Consigliato davvero a tutti, anche ai neofiti