Google+ Badge

martedì 19 maggio 2015

L'Estate e la voglia di retro-gaming

Non so per quale ragione (o forse si) ma con l'avvicinarsi del periodo estivo, mi sale sempre una grande voglia di retro-gaming; ma non tanto di riprovare i vecchi giochi che mi hanno reso felice nei decenni scorsi, ma piuttosto provare quei giochi che meritevoli, ma che per varie ragione mi sono lasciato sfuggire.

E anche quest'anno la cosa si è ripresentata... perciò è da una decina di giorni che ho abbandonato i vari Destiny, DyingLight, e co. per dedicarmi a due vecchi giochi di cui uno rappresenta veramente una perla videoludica (che tanto avrebbe da insegnare oggi).

Sto parlando del terzo capitolo di Super Mario Land per GameBoy e il primo capitolo della trilogia Metroid Prime per Game Cube! (chissà perché quando si tratta di retro-gaming la grande N fa da padrone :D )


Iniziamo dal titolo del celebre portatile Nintendo.

Wario Land è stato progettato come terzo capitolo di Super Mario Land per il vecchio GameBoy (quello in bianco e nero!).. in realtà Wario Land si dimostra essere un gioco totalmente nuovo che si discosta tantissimo dai giochi di Mario ed è tenuto legato a quest'ultimo solo sul piano della storyline.
Infatti  in Wario Land si impersonerà Wario, il boss finale di Super Mario Land 2, che una volta incassata la sconfitta da Mario, cercherà in questo capitolo di risollevare le proprie sorti andando a razziare i tesori dei pirati "Brown Sugar" che avevano (tra l'altro) rubato una statua preziosissima alla Principessa Peach.


Come detto prima, il gioco si discosta parecchio dai due precedenti capitoli proprio nelle meccaniche: Wario dovrà attraversare i vari "mondi" suddivisi in diversi stage ma, al contrario di SML2, non sarà possibile una navigazione libera nel mondo di gioco. Altresì sarà possibile rivisitare gli stage già completati per recuperare monete, vite e anche eventuali passaggi segreti.
Nei singoli Stage Wario dovrà non solo trovare la porta di uscita per lo stage successivo, ma anche la relativa chiave per aprire la suddetta porta. La chiave è spesso nascosta e saremo costretti ad esplorare l'intero stage (suddiviso a sua volta in sotto-aree) in lungo e largo e in maniera totalmente libera. Questa libertà di movimento all'inizio spiazza un po ma di fatto rende il titolo più vario bilanciando la maggior linearità dettata dal sistema di progressione del gioco.
Wario NON è Mario e lo si vede subito, il personaggio si muove in maniera molto più pacata (non corre!) ed è caratterizzato più dalla sua forza in grado di spaccare tutto e tutti piuttosto che dall'agilità. Anche in Wario vi sono molti Power Up che lo rendono più o meno grande, gli permette di "volare" o di sparare fuoco.
Graficamente si allinea a quello di Super Mario Land 2 (da cui eredita il motore grafico) e che spinge al massimo il piccolo hardware del glorioso handled monocromatico; però onestamente il character design del protagonista e dei nemici non è poi così tanto ispirato.
Il gioco è abbastanza lungo (più o meno come per il precedente capitolo), ancora non l'ho completato (credo di non essere nemmeno a metà) e lo consiglio solamente a chi è appassionato del mondo Mario e che vuole collezionarne tutti i relativi titoli, onestamente credo che esistano titoli migliori (anche per l'epoca) e che di fatto Wario Land non riuscì a bissare l'enorme successo di Super Mario Land 2. C'è da dire che però all'epoca il gioco riscosse un discreto successo tanto che da li in avanti Nintendo avrebbe iniziato a dedicare a Wario una serie di titoli ancora oggi mantenuti e prodotti.
Il gioco lo sto giocando su 3DS (tramite Virtual Console) è possibile giocarlo anche su Wii/WiiU ma onestamente il titolo si presta ottimamente per il mobile gaming ma non per quello casalingo. Buone le musiche.




Ma veniamo al pezzo forte... un gioco che mi ha letteralmente catturato e che non mi ha fatto temporaneamente dimenticare gli attuali titoli iper-blasonati... sto parlando di Metroid Prime 1, primo titolo dell'omonima trilogia iniziata su Game Cube e conclusasi su Wii. Il titolo lo sto giocando nella raccolta "Trilogy" uscita nel 2009 su Wii e che ho trovato ad un prezzo ridicolo (tipo 5 euro).



Metroid Prime è un titolo del lontano 2002 ed è la prima trasposizione nel mondo 3D della celebre saga made in Nintendo di Metroid.
Interpreteremo le gesta di Samus Aran, una cacciatrice di taglie di un futuro molto lontano e dotata di una tuta altamente tecnologica, la storia parte dopo la fine del primo capitolo di Metroid dove, durante un viaggio sulla sua navetta spaziale riceve una richiesta di aiuto da parte di un vascello dei Pirati Spaziali. Rintracciata la posizione di una delle loro fortezze volanti si dirige verso la nave spaziale chiamata "Orpheon" e li scopre che una Parassita Regina si è liberata e ha danneggiato la maggior parte della stazione, uccidendo anche i pirati all'interno. Nel primo schema (introduttivo) troviamo questo parassita e lo annientiamo... ma questo finisce nel reattore della stazione, causandone l'esplosione. Fuggendo, incontriamo un'altra copia meccanica di Ridley (il nemico finale del primo capitolo) e poco prima di sfidarlo, quest'ultimo si dirige verso la superficie di Tallon IV. Nel tentativo di sfuggire all'incombente destino della Orpheon, veniamo coinvolti in un incidente che danneggia fortemente la nostra tuta che di fatto perde tutto l'arsenale tecnologico a nostra disposizione!. Riusciamo comunque a fuggire dalla fregata Orpheon e andiamo all'iniseguimento di Ridley su Tallon IV.
Il gioco a prima vista può sembrare un qualunque FPS futuristico alla Halo..in realtà non è proprio così, si tratta piuttosto di un adventure in prima persona. In Metroid Prime infatti passeremo molto più tempo a esplorare questo mondo, risolvendo enigmi di vario genere, piuttosto che a combattere freneticamente contro orde infinite di nemici
Il gioco bilancia molto bene il back tracking di cui fa massicciamente uso...  durante il gioco troveremo pezzi compatibili con la nostra tuta che ci doneranno varie abilità (veramente tante!!!) e che ci permetteranno di accedere a zone di gioco prima di allora inaccessibili. 
In genere non amo i giochi che usano molto il back tracking ma in Metroid Prime il tutto è fatto con estrema cura e la sensazione di "già visto" non si ha praticamente mai, in generale non ci si stanca mai di giocare a Metroid, il gioco riesce a trascinarti schema dopo schema e difficilmente riusciremo a dire "stop"..ogni volta che troveremo un nuovo pezzo della tuta, o una nuova informazione sul mondo che stiamo esplorando saremo invogliati ad andare avanti, a vedere cosa c'è dopo! E questo è una sensazione che difficilmente si riesce a percepire in molti titoli attuali!
Il mondo è molto vasto ed è pieno di informazioni segrete che aspettano solo di essere "rilevate" (tramite l'apposito rilevatore), le informazioni ci permetteranno di scoprire nuove aree e di capire cosa sta succedendo al pianeta, oltre che capire dove trovare il nostro acerrimo nemico.
Il sonoro è stupendo, nonostante sia semplicemente Stereo; graficamente è molto semplice, non vi sono tantissimi poligoni in gioco e le texture sono piuttosto elementari (anche in rapporto all'epoca di uscita) però presenta dei bellissimi effetti di luce (superiori anche a titoli come Halo 1 e 2), un frame rate granitico a 60 fps (beh gira effettivamente su una macchina molto più potente come la WiiU ma anche la versione originale per GC girava fluidissimo)... l'aliasing non è fastidiosissimo (anche se è evidente, dato che il tutto gira ad una risoluzione di 480p)... 
Il sistema di controllo è composto da WiiMote + Nunchuck, gestiti molto bene, il gioco risponde reattivamente ai comandi 
Ma tecnicismi a parte, devo dire questo titolo mi ha veramente preso, è un piccolo capolavoro che merita di essere giocato anche a distanza di 13 anni! Anzi.. onestamente credo che molti titoli attuali dovrebbero ispirarsi di più a meraviglie come Metroid Prime! 

Per giocare a Metroid Prime avete diverse possibilità (oltre a quella di giocare il titolo originale GC) tramite Virtual Console per WiiU, o tramite il trilogy uscito per Wii, volendo potete usare anche l'originale titolo GC anche se avete una vecchia Wii.

Ah..ovviamente il gioco è Single Play only!



giovedì 14 maggio 2015

New 3DS

A fine Gennaio sono stato uno dei "fortunati" contattati dal Club Nintendo, ai quali è stato offerto l'opportunità di avere in anticipo la versione limitata Ambassador Edition del New 3DS.

Ebbene..dopo averci giocato questi mesi, dopo averlo provato con giochi 3DS, con giochi della virtual console e con giochi DS; posso trarre le mie conclusioni anche e soprattutto considerando il precedente modello.

Ora, in questi tre mesi si è detto di tutto sulle caratteristiche del nuovo 3DS e quindi non mi dilungherò in descrizioni tecniche trite e ritrite.

Mi limiterò a dire che secondo me è una console portatile molto valida; il nuovo 3DS prende tutto ciò che c'era di buono nell'originale 3DS e ne migliora tutte le sue caratteristiche. Questo è quello che sarebbe dovuto essere, a mio avviso, il 3DS quando uscì.

La funzionalità peculiare, ovvero l'effetto 3D, funziona perfettamente! Nel precedente 3DS non era possibile giocare con il 3D attivo per più di 5 minuti senza che l'esperienza si tramutasse in vero incubo. Il vecchio sistema 3D, infatti, era fortemente legato alla distanza dello schermo rispetto al nostro viso e doveva essere posizionato in maniera perfettamente perpendicolare con la nostra vista; questo comportava il fatto di dover stare in posizioni piuttosto scomode e statiche..un vero supplizio con l'unico risultato di veder disattivata la funzione più innovativa della console!
Con il new 3DS questa cosa non accade più: il nuovo sistema effettua un auto-track dello sguardo del giocatore e sposta i pixel dinamicamente in base a come noi incliniamo la testa o la console... il risultato è strabiliante tanto che riesco ora a fare sessioni lunghe anche di due ore di gioco senza avere problemi di sorta col 3D sempre molto stabile!
Già questo, per me, sarebbe il motivo principale per acquistare il New 3DS (anche sostituendo il precedente modello!) ma il 3D "superstabile" non è l'unico motivo per acquistare il portatile Nintendo: la console è stata in generale potenziata rendendola più reattiva in tutte le operazioni comprese i caricamenti dei giochi e degli schemi.

E...il secondo stick? si finalmente anche il 3DS può offrire due stick analogici senza dover ricorrere ad accessori ingombranti. C'è da dire che il nuovo c-Stick non è esattamente uno stick analogico piuttosto uno stick analogico a 4 direzione un po come erano i mini stick montati sui portatili a cavallo tra il 95 e il 2005. Non l'ho potuto provare con FPS e quindi non me la sento ancora di stabilire se questo stick permette di gestire bene il movimento del puntamento; però in Monster Hunter funziona molto bene, molto bene!

Tutte le altre feature (NFC, nuovi tasti dorsali, cover intercambiabili e batteria più capiente) sono piccole chicche che male non fanno ma che rimangono, a mio avviso, secondarie.

Insomma.. lo consiglio, e consiglio la versione normale (non la XL) perché secondo me la versione normale rappresenta il giusto compromesso tra portabilità e comodità in game, considerando tra l'altro che il nuovo 3ds normale monta uno schermo più grande del suo predecessore.


martedì 12 maggio 2015

Nuova versione Dashboard di Xbox One

E' stato appena rilasciato l'aggiornamento di Maggio di Xbox One.

Tra le novità spiccano senza dubbio la possibilità di inviare messaggi vocali ad altri utenti (sia Xbox One che Xbox 360) e quella di poter accendere e spegnere la console tramite il proprio smartphone (Windows Phone, iOS o Android) con SmartGlass installato

giovedì 22 gennaio 2015

Le novità Microsoft 2015: Windows 10, DirectX12, Cortana, Streaming tra PC e Xbox One

Ieri si è tenuto l'evento Microsoft e le novità sono veramente interessanti. Le riporterò rapidamente qui di seguito

- Le DirectX 12: le nuove DirectX 12 verranno rilasciate per Windows 10 e per Xbox One verso il prossimo autunno. DX12 introducono una serie di migliorie volte all'aumento generale delle prestazioni. In particolare su Xbox One si possono registrare degli aumenti di prestazione pari al 50%! Il che innalzerebbero, sulla carta, le capacità della macchina rendendola la più potente sul mercato attuale.

- Game Streaming tra PC , Dispositivi mobili e Xbox One: Microsoft ha dichiarato che sarà possibile effettua lo streaming video tra Xbox One e dispositivi Windows 10 (sia PC che Tablet/Smartphone). Un po come avviene con Nvidia e l'Nvidia Shield o con PS4 e PSVita. Non ho capito bene ma mi pare che sia possibile anche il contrario, ovvero lo streaming DA pc VERSO i dispositivi mobili e Xbox One!

- Windows 10: ora ha una data di lancio certa, ovvero questo autunno. Le novità sono diverse ma essenzialmente si basano sulla struttura (ormai matura) di Win 8.1. Le novità più interessanti stanno in una maggiore possibilità di personalizzazione del proprio ambiente di lavoro, ci sarà un nuovo browser (chiamato "project spartan"...mah..) che permetterà una totale personalizzazione delle sue funzionalità.
Verrà introdotta una nuova APP Xbox Live che integrerà l'ambiente Xbox (One) con quello PC e Mobile: si potrà ad esempio inviare via streaming i propri gameplay da una all'altra piattaforma.
Le nuove API unificate PC-Mobile-XboxOne permetteranno lo sviluppo di APP cross-platform e (deduzione personale quindi da prendere con le molle) forse anche di videogiochi cross-platform.

- Cortana: Anche Win10 (e i relativi dispositivi) avranno un loro "Siri" e si chiamerà Cortana. Sarà possibile impartire ordini vocalmente, un po come avviene attualmente con Xbox One.

- Gli occhiali microsoft olografici: si Microsoft è a lavoro con degli occhiali olografici compatibili con Win10 e DX12.


venerdì 16 gennaio 2015

Un 2014 da Nerd videoludico...

...ovvero la mia personale classifica dei titoli che ho potuto giocare, finire o semplicemente provare nel l'anno appena passato...

Inutile dire che il 2014 è stato l'anno degli annunci mancati, l'anno dei rimandi e l'anno dei posticipi..moltissimi giocatori e appassionati sono rimasti delusi da una Next-Gen che non è partita subito in quarta e anzi, spesso arrancata dalle piattaforme "old" che hanno continuato a vedere uscite di tutto rispetto e, in alcuni casi, perfino migliori delle piattaforme nuove arrivate...

Però, per alcune compagnie è stato l'anno del riscatto..come ad esempio la Nintendo che ha iniziato a tirar fuori una sequenza infinita di titoli AAA estremamente curati sia per le sue console portatili che per la sua, sulla carta, ammiraglia casalinga.

Ed io? beh io a differenza di molti giocatori (PC-isti e consolari) che conosco, mi posso ritenere molto soddisfatto da questo 2014 videoludico. Certo le delusioni non mi sono mancate e nemmeno le uscite disattese.. ma se metto tutto a bilancio posso dire di essere piuttosto soddisfatto anche perché normalmente non tendo a giocare solo ai nuovi titoli dell'anno..spesso spendo il mio tempo videoludico a prendere (o riprendere) in mano vecchi titoli lasciati a decantare sullo scaffale di casa.

Ma bando alle ciance ed eccovi la mia personale classifica.

Il Miglior Gioco 2014

Per miglior gioco intendo quello che ha rappresentato la migliore sintesi tra l'aspetto tecnico del gioco e quanto esso sia riuscito ad acchiapparmi, a coinvolgermi e a suscitare stupore e godimento nel giocarlo... and the winner is... The Legend of Zelda Ocarina of Time 3D (3DS)!
Non l'avrei mai detto..innanzitutto perché il titolo che più mi è rimasto nel cuore in questo 2014 è di una console portatile, inoltre perché questo Zelda è il remake di un capolavoro del Nintendo 64 che all'epoca mi persi.
Ocarina of Time ha tutto, una storia avvincente, con colpi di scena e neanche troppo banale. Un ottimo level design, tante modalità alternative e side quest carine (mai uguali!) un'avventura bella lunga che mi ha inchiodato per circa 50 ore di gioco.
Una grafica, che in parte sente il passare del tempo, ma che sono comunque riusciti a ri-ammodernare..in più il 3D della console ha funzionato piuttosto bene dando quel pizzico di immersività in più che male non fa.
Le musiche eccellenti! Ragazzi questo è un must! Chi ha un 3DS deve assolutamente avere questo gioco! E' un'esperienza!

Il Peggior Gioco 2014

In maniera analoga al miglior gioco, il peggiore rappresenta quella sintesi di delusione e schifezza che mi ha profondamente colpito... e the winner is... Watch Dogs (Xbox One)!

Si si si... purtroppo Watch Dogs è stata una piena delusione..totale! L'ho atteso per un intero anno, l'ho perfino acquistato nella sua versione limited-fucking-bastard... l'ho perfino completato al 100%... ma onestamente mi ha deluso..deluso tantissimo!
Il sand box di Watch Dogs era costellato di problemi, le missioni tutte uguali, la IA a volte imbarazzante... e una storia piuttosto piatta... Insomma un gioco che avrebbe dovuto "insegnare" a GTA V..e invece non gli ha detto proprio niente....ed io fatto meglio a comprare GTA...

Il più spassoso 

Senza ombra di dubbio, il gioco più spassoso che mi ha divertito fino allo sfinimento è stato Titanfall (Xbox One). Un gioco acquistato quasi al D1, fortemente divertente. Meccanica di gioco molto varia. Mi ha tenuto attaccato alla console per più di 100 ore di gioco e devo dire che se lo rimetto in piedi la voglia di rigiocare mi viene subito. Bel titolo, fresco, fortemente votato al multiplayer

Il più pauroso

Beh anche le fighette come me ogni tanto giocano ai survivor horror e l'anno scorso ho rispolverato, insieme alla mia dolce metà, Dead Space 3 (Xbox 360). Non ha avuto l'effetto che ebbe il primo titolo ma devo dire che dal punto di vista tecnico hanno migliorato tantissimo il prodotto. Veramente avvincente!
Il gioco non è stato ancora completato (dovendo attendere la mia Signora non posso giocarlo quando cavolo voglio... eheh)

Il miglior multiplayer

Ecco qui mi sono trovato in difficoltà perché due sono i titoli che ho giocato e che più mi hanno colpito... il primo è stato Destiny che fino all'ultimo volevo erigere a miglior gioco Multiplayer..ma poi i vari difetti (innegabili) del gioco mi hanno fatto propendere per un altro titolo : Red Orchestra 2 (PC) : Questo gioco è veramente bello, un FPS totalmente votato al multiplayer con una forte componente tattica, la modalità "Campagna" permette di riproporre le originali battaglie della Grande Guerra! Molto simulativo, con un occhio anche alla crescita dei propri profili e specializzazioni.
Un gioco che, tutto sommato, non richiede neanche delle grandi configurazioni per poter essere giocato (oddio...non esageriamo). Insomma un gioco veramente tosto!

Il miglior picchiaduro

Nel 2014 non ho giocato a tanti picchiaduro..ma non ho dubbi su quale sia stato il migliore Super Smash Bross (3DS/WiiU) non ho selezionato la piattaforma semplicemente perché il gioco è "cross-platform" e presenta caratteristiche peculiari a seconda se lo si gioca su 3DS o su WiiU..per avere però l'esperienza "completa" occorre giocarlo su entrambe le console.
Un gioco veloce, immediato, profondo e fresco. Bello e può diventare una droga!

Il miglior gioco di corse

Non c'è dubbio: Forza Horizon 2 (Xbox One) purtroppo ho potuto giocare solo alla demo estesa, non l'ho acquistato perché ho avuto altri titoli che hanno catturato il mio cuore... ma devo dire che FH2 è veramente una forza. Sicuramente meno simulativo di Forza Motorsport 5 ma tecnicamente fatto molto bene.. il migliore in circolazione!

Il miglior Party Game

Insaspettatamente devo dire che ho trovato New Super Mario Bross U divertenstissimo in party! Con la possibilità di giocare fino a quattro giocatori con un quinto che ti supporta tramite il touch screen del paddone! Una drogra! Il gioco poi è veramente fatto bene, un level design praticamente perfetto: nessun tempo morto, azione frenetica e un crescendo di difficoltà bilanciato magistralmente! Bello bello bello!

Il miglior mobile game

per miglior mobile game intendo il miglior gioco da me provato e/o completato su dispositivi mobili che non siano console (quindi Smartphone/tablet).. e per me è stato... Asphalt 8 (iPad).. un Free to Play non troppo Free, ma che devo dire si è saputo mantenere bene con continui aggiornamenti e migliorie. La versione iPad poi sfoggia il motore Metal in tutto il suo splendore e devo dire che la grafica sembra quella di una console casalinga. Giocato con un pad BT è il massimo ed ha un online fatto molto molto bene!

Il miglior Hardware

Per miglior hardware intendo l'hardware che più mi ha gasato nel 2014... e nel mio caso è stato il Nintendo 3DS...  si è vero... è stata una sorpresa, non avevo intenzione di comprarlo ma dopo aver giocato un po a quello di un amico quest'estate in vacanza, mi sono convinto subito a comprarlo e devo dire che non me ne sono pentito assolutamente.
A discapito del suo comparto hardware (sicuramente non all'altezza di PSVita o dei tablet di fascia alta) rappresenta un mix veramente vincente! inoltre il suo sistema 3D è veramente interessante!

La migliore sorpresa

Il 2014 ho avuto diverse sorprese inaspettate.. ma devo dire che l'arrivo del WiiU è stato una sorta di uovo di pasqua gigante che mai avrei pensato potesse entrare in casa mia.
Inutile che riscriva qui la storia, fatto sta che questa console in parte bistrattata dalle grandi majors e anche da molti videogiocatori mi ha saputo stupire tantissimo soprattutto nelle occasioni di party game o gioco multiplay locale. Veramente una console geniale che paga lo scotto di scelte di marketing piuttosto dicutibili che ne ha ritardato il decollo di circa un anno e mezzo..oltre a non possedere le capacità computazionali delle console next gen maggiori (Xbox One e PS4).




domenica 11 gennaio 2015

Non è una (P)Console per vecchi (appassionati multipiattaforma)

Oggi vorrei condividere con voi una riflessione (che sto ancora finalizzando) nata a seguito di una, ormai lunga, vicenda personale...in ambito videoludico ovviamente!

Circa 8 mesi fa, ad una delle LAN PC alle quali sono solito recarmi, l'impianto elettrico del posto ha deciso di dare non una, non due ma ben tre scariche al mio PC... da quel momento in poi non ne voleva più sapere di accendersi.

Dopo moccoli di Farenziana memoria, ho cercato di raccogliere le idee...
E' inutile dire che videogiocare al PC richiede costi di manutenzione enormi, e davanti ad una sventura di questo tipo ci si pone davanti a due scelte:

- Andare in un negozio specializzato in PC da gioco (sono sempre meno ma esistono ancora..almeno nella mia città) e spendere soldi SOLO per capire dove sia il guasto

- Procedere personalmente alla diagnosi.

Date le mie competenze e, soprattutto, dato che non avevo intenzione di spendere soldi in più per fare cose che sarei stato in grado di fare da solo; ho scelto la seconda strada.... senza ricordarmi che io sono una persona normale e NON sono un negozio..
Questa sottile differenza è piuttosto determinante visto che per fare una diagnosi corretta occorre avere a disposizione una serie di pezzi di ricambio col quale fare empirici test.
Non avendoli mi sono dovuto arrabattare... portando più volte il pc da amici, facendomi prestare pezzi e così via.. ho perso il conto dei viaggi, della benzina e del tempo che ho speso in quella prima fase.
Ed è servito? Decisamente no visto che alla fine la certezza di quale fosse il pezzo guastato non ce l'avevo ma avevo stilato una "classifica": Scheda Madre, memorie, CPU

Deh e quindi? E quindi ecco al secondo bivio della vita: il mio PC era un top di gamma di quasi 3 anni e mezzo fa (i5 2500k, 8gb CAS7 e due GTX 570) tutti componenti di fascia alta, comprensivo del sistema di raffreddamento opportunamente moddato per permettermi un agile Overclock del sistema in tutta sicurezza.
E ora? Butto via tutto (vendendo il vendibile) per tentare l'acquisto di un nuovo PC da gioco (che non era assolutamente preventivato)? Oppure ricompro i pezzi da sostituire e basta andando a puntare su roba top di gamma di 4 anni fa e sperando quindi di non spendere cifre assurde.

Ebbene, l'idea del PC nuovo era allettante ma troppo costosa (per me): per come la vedo io un PC da gioco che si rispecchi deve avere certe caratteristiche che inevitabilmente mi avrebbero richiesto un esborso di un buon 1000 euro... no non era proprio possibile, considerando soprattutto la mia natura di videogamer multipiattaforma. Non giocando esclusivamente col PC non aveva senso rispendere tutti quei soldi.

Ed ecco quindi che mi sono buttato in una folle ricerca su amazon e company per cercare pezzi che FURONO gloriosi 3-4 anni prima e che avrebbero permesso al mio PC di continuare una vita, sempre più insipida (dal punto di vista prestazionale in relazione ai nuovi giochi) ma duratura..quanto meno di un altro paio d'anni.

Compro la Scheda Madre, una AsRock Extreme 4 Gen3, una MOBO che 3 anni  e mezzo fa era una delle più ambite dai videogiocatori esigenti e che ora ero riuscito a trovare a meno di 100 euro! ottimo così. Cerco di fare arrivare il pacco in tempo per poterlo rimontare (con tutto ciò che ne consegue, ovvero il piallamento del pc e reinstallazione di tutto!) per poter essere presente alla LAN successiva. Ce la faccio, tutto sembra a posto ma poi il dramma..il PC non funziona correttamente, durante le sessioni di gioco schermate blu continue di quel fottuto windows...
Di nuovo moccoli a palate...

E ritorno mesto a casa..

E di nuovo a ricercare la causa del problema..intendiamoci, sicuramente il problema originale era la scheda madre (prima non riusciva a fare il bootstrap del BIOS) però evidentemente c'era dell'altro...
Andando a controllare le specifiche della nuova MOBO noto che nella compatibility list delle RAM le mie vecchie MUSHKIN non erano presenti..mmm che sia per quello? Forse!
E allora al via una nuova ricerca per prendere delle memorie che erano presenti in quella fottuta lista di compatibilità.. e le trovo, delle ottime GSKILL ..talmente ottime (all'epoca erano superiori alle mushkin black line) che le ho pagate quasi 200 euro.. si perché ovviamente si riusciva a trovare solamente il taglio da 16Gbyte che costava una fraccata... mmm bene così.
Cerco di far arrivare il tutto per la LAN successiva, monto tutto, faccio qualche test e rinuncio ormai definitivamente ad usare l'overclock.

Arrivo alla LAN e... schermate blu , schermate blu, schermate blu! impossibile!

Ritorno a casa, pensavo a quel punto a problemi legati più al software che all'hardware (non era possibile prima della LAN i giochi che avevo provato funzionavano). Riperdo molte ore (troppe ore) per reinstallare tutto correttamente e a questo punto rifaccio anche un test di stress su tutti i componenti, cercando di monitorare tutto il monitorabile...e ... la CPU non ce la fa... quella fottuta CPU genera errori su errori con l'Intel Burning Test...

Bene.. cerco una nuova CPU.. ovviamente tento di prendere a questo punto una Ivy Bridge cercando almeno (visto che devo spendere soldi) di far fare un piccolo scalino in avanti al sistema (passare da una Sandy Bridge 2500k ad una Ivi Bridge 3570k effettivamente ha un suo perché).
E alla fine, dopo altre settimane di attesa (e altre 240 euro spese) riesco a ripristinare il mio PC da gioco..

Dopo un totale di 4 week end di lavoro, diverse nottate fatte (non ricordo quante), e 530 euro spese..sono riuscito a (ri) ottenere un PC che ERA il top di gamma ormai 3 anni fa... e a questo punto mi chiedo.. il PC è una console per vecchi? oppure no?
Non fraintendetemi, non sto vivendo una crisi di mezza età (videoludica), il videogioco è inciso nel mio DNA e penso che me lo porterò fino alla tomba! Però in questi 8 mesi in cui forzatamente non ho potuto utilizzare il PC per giocare (ma mi hanno consol(ato) le mie console...) ho riflettuto sul fatto di quanto un PC da gioco richieda dedizione soldi e tempo, un tempo proporzionalmente più elevato quanto più particolare e prestante si vuole la propria postazione di gioco. Fare un ottimo pc da gioco non è semplicemente comprare dei pezzi e montarli, i pezzi vanno scelti accuratamente, occorre verificare che siano certificate le compatibilità (o le incompatibilità) e comunque sperare sempre che non ci sia qualcosa che possa dare fastidio. Tutto questo richiede tempo.. molto tempo!
Io dedico tante ore settimanali al videogame ma comunque meno rispetto a qualche anno fa, perché ho anche altre cose importanti a cui stare dietro (lavoro, famiglia e anche altre attività ludiche ma non connesse ai videogiochi) e questo restringe il tempo da dedicare ai videogiochi. Un tempo che però voglio vivere in pieno, senza perdermi nell'assemblaggio dei pezzi o nel problem solving su incompatibilità HW/SW! insomma voglio usare il tempo che dedico al videogame a...videogiocare!

Un PC-Gamer incallito potrebbe obiettare dicendo che per videogiocare al pc basterebbe comprarsi una macchina già fatta a  600 euro...beh...si tecnicamente questo può anche essere vero..ma la mia natura di videogamer (tra l'altro competitivo nei giochi) mi porta a rispondere che non è la soluzione adatta.. anche perché avere una configurazione mediocre (ma pagata più di una Xbox One) non mi permetterebbe di godermi i giochi che compro e pago anche caro! Se spendo 60 euro per Assassin's Creed Unity me lo voglio godere a pieno..e con un PC da 600 euro rischio di non riuscire nemmeno a rispondere ai requisiti minimi... (il mio ATTUALE PC, infatti, non risponde ai requisiti minimi per quel gioco pur avendo un processore abbastanza buono, 16 gb CAS8 e due schede video in SLI).

Questione di scelte, ovvio, ma penso che un appassionato videogiocatore multipiattaforma (come me) difficilmente si possa permettere di avere anche un PC al top per videogiocare..ma a questo punto il PC diventerebbe una sorta di piattaforma aggiuntiva "old-gen" per giocare ad alcuni tipi di titoli come gli strategici e alcuni FPS (io preferisco giocare ad XCOM su PC che non su 360) o per divertirsi alle LAN (sempre che i giochi scelti non siano troppo esosi di requisiti ..altrimenti si rischia di trasformare il tutto in un'esperienza frustrante).

Quindi sarebbe meglio dire che il PC..non è una console per vecchi appassionati multipiattaforma?


martedì 18 novembre 2014

In questo articolo vorrei parlare del fenomeno Star Citizen.
darò, come sempre, un mio parere personale e ci tengo a sottolineare che non si tratta di assiomi incontrovertibili... (so già che mi attirerò le ire di coloro che nutrono tanta aspettativa da questo gioco..ahimé...)

Prima di discutere del progetto Star citizen vorrei esporre alcuni pareri personali su Kickstarter riguardante però solamente il settore tecnologico, e in maniera più particolare quello legato ai videogames.
Che cosa è Kickstarter? È un sistema di crowdfunding nato per supportare singoli privati con idee da sviluppare. In buona sostanza il sistema si basa sul più americano dei principi: hai un'idea e non trovi alcun publisher che ti finanzia e supporti il progetto? Ti rivolgi a questa piattaforma (non è l'unica..ne esistono diverse) , esponi l'idea alla comunità mondiale di internet la quale può effettuare delle donazioni in termini di finanziamento.
In cambio i finanziatori dovrebbero ricevere qualcosa che solitamente riguarda una copia del prodotto.. ma a volte possono anche essere date in cambio quote dei futuri introiti del prodotto finito.
L'idea di per se è molto buona ma non è esente da rischi in quanto spesso il prodotto finale disattende le aspettative...
Ma perché? Perché il prodotto viene in genere ingegnerizzato, assemblato, collaudato e testato senza seguire razionali processi produttivi che solo un'azienda con la A maiuscola riesce a garantire (quanto meno sulla carta). I risultati sono spesso molto deludenti (avete presente Ouya?).
Nella realtà dei fatti Kickstarter viene spesso utilizzato per poter realizzare e vedere un prodotto in maniera diretta senza dover passare da aziende che vogliono imporre i propri veti, idee e gestire la distribuzione e la vendita ( il che equivale a far guadagnare meno chi ha ideato il prodotto).. Insomma una soluzione low cost che va a sostituire le funzioni dei grandi publishers.

Con questo non voglio dire che i prodotti legati al comparto videogame , su Kickstarter risultano essere delle immense vaccate.. Ci sono stati progetti Indi interessanti su Kickstarter questo si..però  il rischio di vaccate è molto molto alto.


Veniamo a Star Citizen... tutti sappiamo di cosa si tratta: un complesso universo persistente che mixa elementi di un morpg con quello di un simulatore di astronavi. 
Il progetto partì con un obiettivo di circa 2 milioni di dollari ma siamo arrivati a superare i 50 milioni.. Negli ultimi teasers possiamo vedere alcuni dettagli di questo fantastico mondo che , in tutta onestà , mi ricorda fin troppo il nuovo Elite Dangerous...

Ci sono però tante perplessità che nutro in questo progetto e che mi fanno dubitare della sua riuscita finale. 

E' veramente un progetto Indi?
il progetto ha subito diverse variazioni a fronte dell'enorme quantità di denaro arrivato nelle tasche degli ideatori e al mastodontico ed epico hype che cresce ogni giorno sempre di più ... Ma non solo, alcuni finanziatori non si sono limitati a dare i 20 dollari per avere accesso al pacchetto base del gioco in forma gratuita.. Ma hanno investito migliaia di dollari e hanno iniziato a dire la "loro " su come il gioco dovrebbe essere , sulle feature e quant'altro...il che di per se non sarebbe neanche una cosa negativa ma che però mette in luce il fatto che i finanziatori più generosi iniziano a fare come le grandi majors... E potrebbe snaturare quello che magari poteva essere l'idea originale.

Free 2 Play? no... Pay per Play... and Pay more per Win
Veniamo all aspetto del 'dare e avere'.. Chi ha finanziato ha ottenuto diverse cose che vanno dal semplice omino e navicella ad hangar pieno di astronavi.. Tutta roba che poi si ritroveranno a gratis una volta che il prodotto sarà reso disponibile a tutti..e qui secondo me iniziano i primi dolori.. Cosa accadrà quando arriverà sul mercato? Quelli che compreranno il gioco si ritroveranno in un mondo virtuale dove coloro che hanno finanziato partiranno con oggetti, navi , basi e quant'altro , potentissimi ...e di fatto si troveranno ad essere inesorabilmente sottomessi da coloro che invece risulteranno essere i padroni del mondo di Star Citizen.. Questa cosa mi ricorda molto altri giochi che usano la finta formula del free to play ma che in realtà si traduce in pay per win (vogliamo ricordare Planet Side 2?) rendendo il gioco frustrante per coloro che non possiedono l'attrezzatura dei giocatori paganti... Peccato che in Star Citizen sarà ancora peggio visto che coloro che non potranno usufruire dei grandi regali ai finanziatori, avranno a loro volta pagato il gioco.
Come avverrà la distribuzione , l'aggiornamento e il supporto del gioco? Normalmente i grandi titoloni vengono comunque supportati dalle grandi software house che sono in grado di gestire il post vendita, sono in grado di mantenere i servers, far fronte ai problemi in tempi relativamente brevi...  Ma con un progetto su Kickstarter ? Sarà la stessa cosa?

E' un gioco per innovativo per PC.. Ninja ovviamente...
Aspetto tecnico...è innegabile che, sulla carta, SC porterà un sacco di grandi innovazioni..non fosse altro che sarà il primo gioco a supportare Oculus Rift...tutto questo è molto figo ma avrà un costo.. Occorreranno configurazioni hardware epiche per poterci giocare e, onestamente dubito che il gioco subirà un processo di ottimizzazione per girare in maniera più o meno decente anche su macchine più normali (questo per i problemi citati nella premessa che ho fatto sui progetti tecnologici di Kickstarter).. Se da un lato io non possa che essere contento dell'uscita di un gioco con i controcazzi che mi potrebbe spingere a ritornare a giocare al pc (ovviamente non quello che ho attualmente) e che potrebbe spinger anche tanti altri videogiocatori che si erano allontanati dal mondo pc, non posso far a meno di pensare che per i tantissimi finanziatori potrebbe rappresentare una doppia beffa: per la serie ho finanziato e ora mi tocca spendere altri 1200 euro per un pc in grado di farlo girare degnamente... E questo a parer mio potrebbe costituire un motivo di incazzatura per coloro che hanno finanziato più dei semplici 20 dollari e che non hanno la possibilità o voglia di spendere un mese di stipendio per il pc adatto...ah e non ho considerato il costo per gestire bene anche OculusRift (non pensiate che l'Oculus Rift necessiti di PC di fascia media..occorre una bella configurazione per poterselo gustare..)


Da notare che gli ultimi due argomenti potrebbero minare molto la riuscita del gioco in termini di apprezzamento e diffusione ..e questo comporterebbe anche ripercussioni negative a tutto ciò che circonda il progetto (in primis OculusRift che tante speranze ha investito su SC...)

Questi sono i motivi che mi portano a dubitare di SC e a dire che potrebbe risultare una cagata pazzesca... Espressione sicuramente molto forte (e spero di sbagliarmi) ma che potrebbe essere il risultato del pensiero che accomuna chi viene fortemente deluso da un prodotto circondato da hype mostruoso come SC...(avete presente la fine indegna di Watch dogs?)

Per riassumere il concetto.. Per SC secondo me non ci saranno mezze misure: o sarà uno dei flop più clamorosi della storia dei VG (da far impallidire Atari e il suo ET ) oppure sarà la rivoluzione degli ultimi 5 anni, il salto evolutivo verso un nuovo livello di intendere il VG (o meglio di intendere i Morpg.spaziali). 


Ormai manca relativamente poco visto che dovrebbe uscire entro la prima metà del 2015.. Staremo a vedere..io nel frattempo mi tengo ben lontano da dare ulteriori finanziamenti