La mia collezione

gamecard

martedì 14 giugno 2016

E3: Microsoft ha lanciato la Bomba!

eh si, ieri si è tenuta la conferenza Microsoft che , senza ombra di dubbio, è stata al momento la migliore vista alla fiera.

Migliore perché la più ricca di novità e , soprattutto, di novità veramente stravolgenti.

In questo breve articolo mi limiterò a riportare le notizie riguardanti Xbox e il suo eco-sistema, tralasciando il dettaglio dei titoli esclusivi Xbox (e Xbox/Windows 10) che sono stati presentati.
Vi dico solo che il futuro, per noi videogiocatori, sembra piuttosto roseo con una serie di titoloni che usciranno già da questa estate... Praticamente da qui ai primi mesi del 2017 ci saranno 1 o 2 titoli "must have" da prendere al mese!

Ma bando alle ciance. Quali sono queste novità? Come detto prima sono diverse ma io inizierei a parlare del software.

XBox - L'ecosistema videoludico di Microsoft

Si era già intuito in questi ultimi mesi, ma ora è stato palesato. XBox non identificherà più solamente un sistema hardware specifico per l'intrattenimento videoludico, ma si riferirà ad un vero e proprio ecosistema che comprende le varie console ma anche il mondo PC e mobile.
Microsoft vuole spingere molto su questo e, a mio parere, lo sta facendo nel modo giusto!
La sua intenzione è quella di aumentare l'integrazione da qui ai prossimi due anni in modo tale da poter giocare ai giochi targati Xbox, ovunque: Windows 10, Xbox One, Xbox Scorpio (Spoiler! ) ma anche dispositivi mobile come Android, iOS e Surface/Windows phone. Qualcuno di voi avrà già notato che da ieri non esiste più l'app Smart Glass ma al suo posto è stata rilasciata per Android e iOS, l'App Xbox che funziona esattamente come quella presente su Windows 10.

Attraverso l'app Xbox è possibile accedere al proprio account Xbox e vedere amici, punteggi, giochi , acquistare giochi dallo store , etc etc etc. Al momento, sulla versione per Windows 10 è possibile giocare ai giochi Xbox One connettendo il PC alla Xbox; in un futuro non molto lontano (2 anni?) questa cosa sarà possibile anche sui dispositivi mobili. L'intenzione di MS sarà , inoltre, quello di rendere possibile l'esatto contrario: i giochi installati su Windows 10 , potranno essere fruibili anche su Xbox (sempre tramite la connessione di rete).

L'unificazione dell'ecosistema avviene anche attraverso i vari servizi che Microsoft sta spostando da Windows 10 a Xbox e viceversa. A breve (credo già dall'update di Agosto) arriverà Cortana che permetterà una gestione dell'intera console tramite i comandi vocali (compresa la dettatura dei messaggi)


Play Anywhere

Microsoft ha presentato, inoltre, il suo programma Play Anywhere. I giochi che supporteranno questa feature potranno essere acquistati una volta sola ed essere giocati ovunque: Windows 10 , Xbox One o Xbox Scorpio! Attraverso questa funzionalità si manterranno anche gli stessi salvataggi , statistiche etc. Di fatto il gioco sarà unico ma giocabile indiffirentemente sotto Windows 10 o sotto Xbox.

Il primo titolo a godere di questa feature sarà Gears of War 4!
Anche altri titoli interessanti useranno queste feature come Minecraft, che nella prossima release potrà essere giocato indifferentemente su Windows, Xbox, Android, iOS

Il fronte Hardware

Qui Microsoft ha dato il meglio di se! Partiamo dai nuovi Pad, i nuovi Pad rappresentano un miglioramento dei già ottimi pad Xbox One. Dal punto di vista del formfactor, utilizza le forme del Xbox Elite Controller dal quale eredita la migliorata disposizione dei tasti dorsali e il miglioramento notevole dei grilletti analogici nonché il back con una texture 3d in grado di aumentare il grip. Ovviamente non eredita tutte quelle funzionalità "pro" dell'Elite e mantiene i materiali plastici. La vera novità è che saranno totalmente personalizzabili! Si potranno acquistare direttamente sul sito dove sarà possibile scegliere i colori di ogni elemento del pad: stick analogici, pulsanti, back e front cover..insomma tutto! E sarà possibile farsi serigrafare la propria GamerTag.
I controller saranno utilizzabili in wireless su Xbox e wired su Windows 10.

La nuova Slim

All'inizio della conferenza, Microsoft ha presentato Xbox One S, la versione slim di Xbox One. Si presenta il 40% più compatta, il design è veramente molto bello (a me piace anche l'attuale). A fronte della perdita del connettore del Kinect (si Kinect è definitivamente morto), fornisce le sue funzionalit come l'IR Blaster, direttamente dal front place della console. L'alimentatore è stato integrato dentro il case e verrà fornito con 2TB di HDD. Dal punto di vista di potenza, rimane invariata rispetto all'attuale Xbox One ma guadagna la possibilità di visualizzare film in 4K.

Xbox Scorpio: la vera bomba atomica

Alla fine della fiera viene presentato il Project Scorpio, la nuova Xbox uscirà sul mercato a Natale 2017 e fornisce una potenza inaudita: GPU in grado di macinare 6 Tflops e processore Octacore, una struttura hardware in grado di garantire giochi nativi in 4K e giochi VR in HD.
Molti sviluppatori, che hanno già messo le mani sul DevKit, asseriscono all'unanimità che Xbox Scorpio è un vero mostro di potenza.
Tanto per darvi dei termini di paragone, 6 Tflops sono quasi quanto può generare nominalmente una Nvidia 1070!
In questo Microsoft si è superata, il salto generazionale tra la One e la Scorpio è incredibile e molti hanno già iniziato ad asserire che questa Scorpio rappresenterà quello che ha rappresentato la 360 nel lontano 2006!
Non si è detto ancora niente sul prezzo (anche se molti presumono un 500 Euro al lancio).
Staremo a vedere, ma devo ammettere che è stato sbalorditivo.

Microsoft , ha assicurato tutti che, Xbox Scorpio NON soppianterà Xbox One, le due console coesisteranno insieme, tutti gli accessori saranno compatibili tra loro (a partire dai pad e volanti) ma soprattutto i giochi saranno gli stessi! Si potrà acquistare il gioco una volta sola e, a seconda se lo si lancerà su One o su Scorpio, il gioco attiverà o meno tutte le feature grafiche in più e le risoluzioni più alte, il tutto avverrà in maniera totalmente trasparente senza dover costringere il giocatore , come avviene normalmente su PC, a numerose prove per trovare le impostazioni con i migliori compromessi.

Conclusioni
Insomma, grande presentazione che ha annichilito le concorrenti, devo dire che mi sbalordito. La carne al fuoco è tanta e ora bisogna vedere se Microsoft manterrà tutte queste promesse. E' chiaro una cosa: Microsoft vuole combattere su due terreni paralleli (console da una parte e steam dall'altra) unificando i due mondi. Se non farà passi falsi e se manterrà le promesse (e se ovviamente verrà seguita dagli sviluppatori) il 2018 potrebbe segnare una vera svolta nel panorama videoludico.
Microsoft sa quanto sia dirompente la forza delle console nel tirare i grandi numeri e l'attenzione degli sviluppatori, e se riuscirà a piazzare console in grado di far girare 4K e VR i team di sviluppo si troveranno a loro agio a a creare titoli senza fare porting e senza scendere a grandi compromessi. Questo potrebbe incentivare la diffusione su larga scala di queste nuove tecnologie, soprattutto VR, le cui positive ricadute arriveranno anche su PC con abbassamento dei prezzi che renderà il tutto alla portata di molti.
E' vero che da un lato si è visto una drastica diminuzione del ciclo di vita delle console ma Microsoft ha, con queste due Xbox, presentato le sue "xbox machine" : "PC" pre-configurati in grado di far girare i giochi anche Windows 10. In pratica Xbox One e Project andranno a combattere la battaglia delle Steam Machine mentre Windows 10 lo combatterà sul piano PC.
Se Microsoft garantirà la totale compatibilità trasversale di periferiche e, soprattutto, giochi gli utenti potranno scegliere in piena libertà se adottare la console Top di gamma o quella intermedia con la garanzia che i giochi si auto adatteranno e funzioneranno al 100% senza doversi sbattere in configurazioni e test.
Alla fine, anche dal punto di vista economico, il tutto rimane piuttosto in linea: 500 euro (prezzo stimato della scorpio) ogni 4 anni può essere una cifra abbordabile per i gamer più esigenti, una cifra comunque inferiore al mantenimento di un PC da gioco di fascia alta.

Quindi, vedremo come sarà il futuro. Intanto un applauso, sulla fiducia, a Microsoft.



Posta un commento