La mia collezione

gamecard

sabato 29 dicembre 2012

Recensione: Need for Speed Most Wanted (Android)

In questi momenti di vacanze natalizie mi è difficile passare il tempo sui miei amati pc e console, ma la cosa non mi impedisce di portarmi dietro le mie passioni videoludiche sui miei dispositivi portatili.

E ora è venuto il momento di passare in rassegna un gioco uscito qualche settimana fa e che secondo me rappresenta un nuovo punto di arrivo, tecnicamente parlando, per il genere automobilistico.

Sto parlando di Need for Speed Most Wanted 2012.

Questo gioco rappresenta in realtà un ri-edizione del ben famoso NFS Most Wanted uscito un paio di anni fa. Onestamente non ho mai giocato all'originale e non posso quindi pronunciarmi in una sorta di comparativa con questa versione fata per dispositivi mobili.
Ad ogni modo NFSMW è stato sviluppato per dispositivi Android e iOS.

Game Play
Il gioco si presenta come il più classico dei collector game, partiremo con una manciata di dollari giusto per acquistare un paio di macchine di fascia bassa e partecipare a qualche corsa al fine di guadagnare qualcosa e proseguire con la nostra avventura di collezionista.
Il gioco si suddivide in eventi, di difficoltà crescente, di vario genere.. si va dalle classiche corse contro altre auto in strade cittadine, a corse contro il tempo per finire con corse dove dobbiamo evitare di colpire altre auto ed elementi ambientali.

Vincendo le gare si sbloccheranno altri eventi e si guadagneranno punti esperienza e soldi. I soldi ci permetteranno in un primo momento di acquistare auto, ma superato un certo livello avremo la possibilità di comprare degli upgrade prima di ogni corsa (corazza rinforzata, telaio alleggerito etc).
Al momento attuale non so se ci sono altre possibilità di evoluzione del nostro alter ego collezionista, ma le auto non si possono potenziare permanentemente (un po come avviene con Asphalt per intenderci) ma gli upgrade funzionano solo per una gara dopodiché andranno riacquistate.

Uno degli elementi centrali del gioco (e in generale di tutti i NFS) è la presenza delle pattuglie di polizia e degli autovelox che richiameranno le suddette le quali si precipiteranno a rotta di collo per fermare la nostra folle corsa. La polizia potrà anche creare dei posti di blocco con tanto di fora-gomme per fermare la nostra corsa.
Un'altra cosa importante da tener presente è che la nostra auto non è indistruttibile, ogni urto danneggerà la nostra vettura. I danni saranno via via ben visibili (e resi altrettanto bene!) ma al di la del danno estetico la nostra auto continuerà a correre senza problemi, è da tener presente però che il danno non dovrà mai raggiungere il 100% altrimenti la nostra auto non potrà continuare la gara.

Se siamo connessi ad internet, ogni tanto appariranno degli eventi speciali che ci permetteranno di sbloccare le auto NFS edition..
Il nostro punteggio verrà di volta in volta aggiornato e confrontato online con quello di altri amici che hanno il gioco, il tutto passerà attraverso la piattaforma Origin di EA.

Grafica, sonoro e prestazioni
Graficamente il gioco è veramente superlativo, devo dire che è il più bello visto finora! Le ambientazioni sono ben realizzate ed estremamente dettagliate, ed anche le auto sono fatte molto bene, molto dettagliate compresi i danni che sono realizzati magistralmente. Di fatto, non per ripetermi, il più bello mai visto su un telefono.
Anche il sonoro è fatto molto bene, ogni auto ha il suo motore ben renderizzato.

Dal punto di vista prestazionale va sottolineato che il gioco è veramente pesante ed occorre un ottimo hardware per farlo girare fluido senza problemi.
Sul mio sistema di prova, il Padfone in modalità smartphone, riesco a far girare il gioco fluidamente solo se tengo libero 200 mb di ram altrimenti il gioco risulta molto scattante quasi ingiocabile.
Quindi con una CPU Snapdragon S4 (dual core) e una Andreno 225 come GPU e 1Gb di RAM occorre avere 200 mb liberi per assicurarsi delle ottime prestazioni altrimenti lasciate perdere.
Onestamente io utilizzo Memory Booster Pro per liberare quella memoria necessaria prima di giocare e il tutto a quel punto viaggia alla grande!
Se avete un QuadCore o un dispositivo con 2 gb di ram non avrete problemi di sorta.

Conclusioni
Adesso il gioco è venduto a 0.89 euro e quindi molto allettante, se avete un hardware adeguato ve lo consiglio senza timore

martedì 4 dicembre 2012

Crysis 3 sarà un altro titolo che porterà gli hardcore gamer a tornare sul PC?

L'anno scorso Battlefield 3 fu, per me, il gioco che mi ha riportato a giocare col PC e fu di fatto il gioco che mi ha convinto a rispendere soldi per avere un PC in grado di farlo girare al massimo e gustarlo a pieno...
ebbene dopo quella parentesi tonda il vuoto totale..fino agli annunci della Crytek... in pratica Crysis 3 per PC sarà, a detta loro, un gioco superlativo e pieno zeppo di tutte le migliori tecnologie implementative attualmente in circolazione.

A partire dalla gestione della IA totalmente rivista rispetto al precedente (e deludente) capitolo, fino ad arrivare a giochi di ombre, nebbie volumetriche, nuovi sistemi AA e riflessioni di luce anche sulla vegetazione, il tutto condito con l'uso massiccio delle DX11..
Ebbene già a leggere di queste caratteristiche mi viene l'acquolina in bocca e una certa eccitazione fatale..ma a che prezzo tutto ciò?

Gli sviluppatori hanno dichiarato che per godersi a pieno di tutto questo ben di Dio e ovviamente goderselo bene (quindi con un FPS buono) occorrerà una configurazione come la seguente:

CPU di ultima generazione Quad core (i7 per intenderci con gli ultimi socket)
8 gbyte di ram a bassa latenza
Scheda video di ultima generazione mono core top di gamma o multi core di faccia medio-alta

Hanno anche postato un paio di configurazioni di esempio che possono rispondere a queste esigenze

- Intel i7 2600k
- Nvidia 680GTX (in alternativa una scheda ATI 7970)

mmm chissà se con il mio i5 2500k e con le mie due 570GTX riuscirò a godermelo ma ho paura che rimarrò forse deluso...

E voi sarete pronti per questo pompatissimo (sulla carta) giocone?

Steam sta tentando di trasformare il PC in una console?

Ieri sera ho notato con sommo piacere un aggiornamento dell'applicazione Steam... Introducendo una novità veramente interessante ma dal nome osceno...
La novità in questione si chiama Big Picture..
In pratica adesso il nuovo Steam permette di essere utilizzato con un'interfaccia totalmente diversa da quella alla quale eravamo abituati... in pratica tutto viene sostituito da schermate full screen con icone molto grandi, molto consolari, e con il pieno supporto al pad. ebbene si..adesso si può usare il pad per muoversi attraverso tutti i menu di steam.
La nuova "home" screen di Steam è richiamabile prendendo il tasto "xbox" dei pad xbox (o simili).

Il tutto rievoca molto l'interfaccia della Dashboard di xbox...
Anche quando si avvia un gioco adesso tutte le notifiche che appaiono a schermo sono state ridimensionate e rese gestibili dal Pad.

Intendiamoci, quest'interfaccia può essere sempre utilizzata con il classico mouse e tastiera però il sistema è stato di fatto ottimizzato per l'uso col pad e per l'uso con schermi TV (o monitor di grandissime dimensioni tipo 32" o superiore).
E' sempre possibile tornare indietro con la vecchia interfaccia ma se Steam dovesse vedere che quella nuova viene accolta positivamente non mi stupirei se decidesse di reciderla definitivamente.

In pratica con questa nuova interfaccia ha trasformato il PC in una console a tutti gli effetti..per curiosità ho connesso il pc alla mia TV 47" tramite l'HDMI e ho giocato a Batman Arkham city..e devo dire che l'effetto WOW c'è stato davvero...
Il nuovo sistema permette anche di utilizzare la chat, e la navigazione web di Steam sempre tramite pad!

Con l'occasione Steam ha messo in svendita una bella quantità di giochi Ottimizzati per PAD fino al 10 dicembre..degno di nota il gioco Alan Wake che viene proposto completo di tutti i suoi dlc a solamente 9 euro (oppure 7 euro solo il gioco di base)... e devo dire che questa cosa mi ha lasciato piuttosto sorpreso dato che è un gioco che volevo comprarmi ma aspettavo di trovare una confezione vera e non una in DD...

A parte questo inciso, sembra che Steam stia puntando a trasformare il PC in una super console Steam powered..

Chissà se ci riuscirà... il compito è tutt'altro che semplice considerando che anche Microsoft con il suo Windows 8, sta tentando l'integrazione PC e console sul lato Xbox live..
E a questo punto EA con la sua piattaforma Origin come si comporterà? eheh staremo a vedere

Voi preferite il PC trasformato in Console oppure lo preferite come era prima?


lunedì 3 dicembre 2012

Come gestire la memoria del proprio Android (e migliorarne le prestazioni)

Ormai Android è un sistema operativo molto diffuso (almeno quanto iOS) ma a differenza del sistema Apple, Android è distribuito su dispositivi hardware molto diversi in termini di dotazione e prestazioni.
Una delle caratteristiche fondamentali da tener presente quando si usa un dispositivo mobile è quello della gestione della Memoria RAM, quella che viene utilizzata dal sistema per far girare le applicazioni e i servizi del proprio dispositivo.


Android ha il vantaggio di essere un sistema multitasking ma come tutti i sistemi operativi di questo genere è molto importante avere la RAM capiente, questo perché in generale più RAM si possiede e più task (programmi e servizi) si possono tenere su contemporaneamente.
Nei dispositivi mobili è molto importante anche l'ottimizzazione del sistema per poter rendere il più snello possibile qualsiasi operazione effettuata sul telefono/tablet.
Questi due aspetti si traducono in una gestione molto specifica della memoria in funzione delle App avviate e quelle chiuse.
Il sistema di Google fornisce un suo sistema gestionale che segue criteri preimpostati, questi criteri poi possono essere modificati dai vari produttori hardware che magari preferiscono gestire in maniera diversa queste risorse.
Ma non dimentichiamoci che la filosofia di Android sta nella sua natura "open" e quindi anche noi utenti, se vogliamo, possiamo decidere come il nostro dispositivo deve poter gestire queste risorse!
Prima di andare avanti è bene chiarire come Android normalmente gestisce la RAM e i Task: i task sono suddivisi in 6 categorie ognuna delle quali viene gestita in maniera specifica dal sistema.

  • Foreground App: questa è l'App che in quel momento è avviata e visibile sullo schermo, è praticamente l'applicazione correntemente utilizzata dall'utente.
  • Visible App: queste sono invece le App che stanno in esecuzione ma NON sono visibili sullo schermo, in questa categoria vanno quelle app che magari sono state appena chiuse e che devono continuare a fare alcune operazioni, oppure alcune app specificatamente sviluppate per girare anche quando non visualizzano niente a video.
  • Secondary Server: queste non sono vere e proprie App ma sono servizi, i servizi sono dei task speciali che rilasciano funzionalità specifiche e che vengono normalmente sfruttate da altre App che ne hanno bisogno. In questa categoria vanno quindi quei servizi che sono ancora "vivi" perché stanno lavorando o perché hanno appena finito di fare la loro funzione.
  • Hidden App: queste sono quelle procedure (servizi) che NON sono più vive (perché magari hanno finito da tempo di essere utilizzate) e vengono inserite in uno stato dormiente (IDLE) nell'attesa di essere riutilizzate.Android NON cancella a priori queste procedure perché se le tiene in memoria possono essere "riesumate" più velocemente in caso di bisogno.
  • Content Provider: i content provider sono anch'essi servizi che però hanno il compito di fornire dati (di qualsiasi genere, un contatto, un sms, un filmato e così via). I content provider sono molto importanti perché tantissime App ne fanno uso, ad esempio Facebook piuttosto che Skype ne fanno uso per reperire i dati necessari al loro corretto funzionamento
  • Empty App: queste sono App che ormai sono state chiuse e che non stanno più girando. Di fatto sono App che non sono nemmeno più di tipo Visible. Queste App NON vengono cancellate a priori perché nel caso vengano riavviate, il sistema le potrà tirare su molto più velocemente.

Tutte le app che appartengono a queste categorie di fatto si contendono la RAM, il sistema operativo a fronte di un calo della RAM liberà operarà dei "tagli" alle app/service appartenenti a queste categorie al fine di liberare le risorse.
Di fatto queste 6 categorie possiedono 6 livelli di priorità diversi e, tanto per andare al sodo, il sistema tenta finché può di operare sulle Empty App (e subito dopo sulle Hidden App).

Ebbene queste operazioni di "ripulitura" della RAM occupa comunque risorse e tempo (e soprattutto drena la batteria) inoltre quando si usano App piuttosto pesanti (ad esempio giochi di un certo livello) occorre aver presente che se la RAM libera è elevata il gioco girerà molto velocemente, mentre se la RAM libera non è sufficiente il sistema la libererà in tempo reale rallentando di fatto le prestazioni del gioco o dell'app in foreground.
Il sistema di default di Android è piuttosto efficiente ma si può fare di più sicuramente!
Per coloro che vogliono addentrarsi in questo fine-tuning devono avere il telefono "rooted" e dotarsi di uno dei tantissimi programmi disponibili per la gestione della memoria (io uso Memory Boost ma ce ne sono una marea).
Di fatto queste app permettono di operare su queste 6 categorie e di impostare dei valori "minimi" di memoria libera che il sistema DEVE avere. Queste App non fanno altro che scrivere in un file di sistema presente in init.rc (l'immagine del sistema operativo) che descrive il comportamento che il sistema deve tenere con queste app.

Ormai queste App forniscono dei settaggi preconfigurati ma in generale quello che consiglio è

1) aumentare il valore di ram minimo per le empty app, questo permetterà di avere molta ram libera in più a discapito però di una cancellazione repentina di quelle App che sono ormai chiuse e questo si tradurrà in una minor velocità nel riavvio di tali app.

2) tentare di aumentare il valore minimo per le Hidden App ma con molta più cautela..questo perché i servizi potrebbero essere comunque fondamentali per il corretto funzionamento delle altre app.

Si potrebbe anche migliorare ulteriormente operando sulle Visible App ..il problema è che così facendo si ridurrà la capacità di gestire il multitasking nel sistema (nel senso che ci saranno pocchissime app contemporaneamente avviate).

Spero di essere stato utile con questo piccolo post.