La mia collezione

gamecard

giovedì 11 settembre 2008

The Elder Scroll IV: Oblivion (PC / Xbox 360)




Da poco ho messo le mani su questo gioco vincitore di molti premi nel 2006; titubante per la scelta della piattaforma sulla quale farlo girare mi accingo a prenderlo in versione 360 per poi convertirmi velocemente sulla versione PC.
Ma andiamo con ordine:

Il gioco
Oblivion è il quarto capitolo di questa saga epica ambientata nelle terre di Morrowind (titolo anche del terzo capitolo di The Elder Scroll); Oblivion sostanzialmente è un gioco di ruolo che cerca di seguire i cliché classici del mondo fantasy alla A-D&D per intenderci. La storia parte nelle prigioni dove siamo rinchiusi per aver commesso un reato non ben definito; il fato vuole che ci troviamo anche nell'unico posto dove è situata un'uscita di sicurezza che verrà da li a poco utilizzata dal re per fuggire; ci ritroveremo quindi coinvolti in questa fuga nelle fogne del castello della città principale, alla fine della rocambolesca fuga il re muore e ci lascia il compito di portare un messaggio ed una pietra ad un suo discendente segreto che dovrà prendere le redini del regno e sedare la congiura.
Questo il tema principale, affiancato anche dalla ricerca di noi stessi (non sappiamo niente di noi e del perché ci troviamo in quella prigione).

Sistema di gioco
Il sistema di gioco è essenzialmente suddiviso in tre parti: la parte esplorativa, effettuata in prima persona (ma è possibile attivare la visione in terza) con l'uso del pad o del mouse/tastiera; la fase dell'inventario dove possiamo gestire il nostro personaggio, gli oggetti, gli armamenti e le magie e la parte di combattimento rappresentata da un sistema Hack and Slash in prima persona.
Il sistema di combattimento è abbastanza intuitivo: un tasto per la parata, uno per attaccare ed un altro per lanciare la magia selezionata; il tasto di attacco può essere combinato con i tasti direzionali al fine di effettuare combo via via sempre più complesse (accessibili solo dopo essere saliti di livello). La parte di azione è molto curata e interessante, i nemici si muovono bene e riescono a combinare ( a secondo della tipologia) diverse combinazioni e intraprendere strategie più o meno complesse.
La cosa che stupisce di Oblivion è l'estrema liberta che avremo nel condurre il gioco, infatti possiamo decidere in qualsiasi momento cosa fare e come comportarci: potremmo entrare nei villaggi ed uccidere tutti oppure fare la parte dei buoni samaritani; potremmo decidere di passare da un posto piuttosto da un altro e di comportarci in maniera diversa davanti ai personaggi che incontreremo; il sistema si adatterà di conseguenza in maniera molto credibile; chiaramente le nostre azioni si riperquoteranno su noi stessi e sulle nostre caratteristiche fisiche e carismatiche.
Il gioco ci mette a disposizione una gran varietà di razze e classi la quale combinazione permette di ottenere un centinaio di tipologie diverse di personaggi (quello mio è un Guerriero Mago di razza Elfo scuro) è possibile scegliere perfino un nostro segno di nascita in base al quale riceveremo dei bonus/malus specifici.
Le magie sono molto varie fin dall'inizio ed estremamente credibili; dato il sistema arcade della fase di combattimento; Oblivion mette a disposizione un intelligente e funzionante sistema di shortcut al quale legare le magie/armi/oggetti di frequente uso. I tasti rapidi si attivano col D-Pad sulla 360 o con i tasti numerici 1-6 sul pc.
La crescita del personaggio segue le regole classiche di questi giochi; vi sono svariate skills minori e maggiori le quali aumentano via via che le utiliziamo, quando quelle minori sono tutte aumentate di livello anche il nostro personaggio salirà di conseguenza.
Durante il gioco si possono trovare dei piccoli mini-game: quelli per scassinare le serrature o per persuadere le persone piuttosto che quello per la creazione di magie/pozioni o la riparazione di armi e armature..si avete capito bene..armi ed armature qui si possono rompere come tutti gli oggetti hanno una loro resistenza che col tempo e l'uso si corrode fino a rompersi definitivamente.
Per quanto riguarda le quest, oltre a quella principale ci troveremo anche a poter sceglierne altre secondarie ed altre ancora completamente slegate; saremo liberi di fare ciò che vogliamo e di perlustrare il mondo come vogliamo noi. Questo porta il gioco ad un monte ore immenso che idealmente diventa infinito grazie alle varie espansioni che già sono uscite.

Grafica - Sonoro

L'aspetto grafico è strepitoso, gli interni sono molto curati..ma la cosa più incredibile sono gli elementi in esterno; qui la vegetazione, i riflessi di luce sono strepitosi. Le condizioni meteo variabili sono realizzate con cura.. una gioia per gli occhi. Il comparto sonoro non è allo stesso livello, gli effetti ambientali sono resi discretamente ma si poteva fare qualcosa di più. La versione 360 se deficitaria sul piano grafico è strabiliante su quello sonoro: il sonoro su 360 è in alta definizione con effetti ambientali veramente convincenti.

Confronto 360 - PC

Provato su entrambe le piattaforme; in generale il gioco si equipara abbastanza. La versione 360 mostra un sonoro eccellente, la grafica è buona e gira fluida in 1366x768 (sugli HD ready) però risulta essere un pò più pastosa e meno definita di quella per PC. Effettivamente su PC possiamo accedere ad una serie nutrita di impostazioni grafiche che se attivate tutte al massimo restituisce un gioco graficamente strabiliante con grafica definita e molto curata. Il sonoro non è della stessa qualità e l'unico modo per avere degli effetti ambientali decenti è quella di ricorrere ad una scheda audio che supporti il 3d CMSS di Creative (le X-Fi hanno questa funzionalità) con la quale il sistema virtualizza gli effetti ambientali distribuendoli sulle casse o le cuffie; usando questo accorgimento si può ottenere un sonoro simile (ma non superiore) a quello per 360.
Dopo aver provato entrambe le versioni ho optato per la versione PC ma solo per il fatto che il mio hardware è in grado di far girare al massimo Oblivion senza scatti alla risoluzione di 1650x1080; si perché l'unico modo di godersi questo gioco a pieno è quello di dotarsi di un pc-ninja di ultima generazione altrimenti l'aspetto grafico risulterebbe addirittura meno appetibile della versione 360. Sulla macchina di prova il gioco gira a 60-70 fps di media (più che sufficienti per il tipo di gioco) a 1680x1050 con i filtri attivi e i dettagli al massimo, considerate però che per ottenere queste prestazioni il gioco ha girato su questa configurazione:
E8400 - 4 Gb ram 1066Mhz con configurazione Tri-GPU basata su 3870 (per la precisione una 3870X2 ed una 3870 normale); quindi una macchina non proprio economica. Su sistemi inferiori dovrete scendere a patti (nonostante sia un gioco uscito nel 2006) con la rinuncia di filtri ed abbassamento di risoluzione che rendono il gioco decisamente più pastoso e meno coinvolgente della versione 360.

Aggiornamento
Dopo 16 ore di gioco posso confermare la profondità del gioco, vi sono aspetti che si acquisiscono dopo molte ore: eventi come le malattie, le trasformazioni, le acquiszioni alle gilde, sono tutti aspetti che aggiungono notevole profondità all'esperienza di gioco. Il giocatore può comportarsi come vuole anche davanti ad una malattia, ad esempio se si contrae il Vampirismo abbiamo 3 giorni di gioco di tempo per curarci..pena la trasformazione in vampiro... la cosa interessante è che nel progredire dei tre giorni il nostro personaggio subisce trasformazioni continue (che si riflettono anche sulle abilità, etc...). Nel caso si volesse diventare Vampiri siamo liberi di farlo..con tutte le conseguenze che ne conseguono (aspetti positivi come una maggiore forza ed abilità nuove ma anche negative come una maggiore diffidenza da parte delle persone)..insomma un gioco molto bello per gli amanti dei giochi di ruolo
Posta un commento